Attacco all’aeroporto: tornado contro piper, ma è tutto finto

Caccia militari

Tornado della Nato contro piper. E’ accaduto nei giorni scorsi nei cieli di Crotone. Come riporta il giornale il Crotonese, si è trattato di un inseguimento aereo per impedire un attacco all’aeroporto di Crotone. Il fatto è accaduto nel pomeriggio del 25 novembre. Molti crotonesi hanno visto sfrecciare a bassa quota un piccolo aereo ed un Tornado dell’aeronautica militare. Si trattava, però, di una esercitazione della Nato che ha coinvolto l’aeroporto Sant’Anna di Crotone.

Simulazione attacco aeroporto

L’articolo de il Crotonese sulla simulazione di attacco all’aeroporto di Crotone

Così scrive il Crotonese: Nella simulazione, infatti, si prospettava un attacco terroristico dal cielo allo scalo crotonese nei pressi del quale c’è opera la 132° Squadriglia radar remota ‘Medusa’ di Isola Capo Rizzuto dell’Aeronautica militare. L’esercitazione, che era stata tenuta segreta dalla Nato proprio per misurare il grado di reazione dei dispositivi militari, prevedeva un attacco con un velivolo proveniente dalla Grecia. L’aereo ‘terrorista’ era un Piper che tra le 14 e le 15 di martedì puntava verso l’aeroporto di Crotone. Il piccolo aereo volava a bassa quota per evitare di essere ‘trovato’ dai radar, ma una volta scovato, da Gioia del Colle si sono levati in volo due Amx Tornado dell’Aeronautica militare che hanno intercettato il piccolo aereo all’altezza di Crotone. I tornado hanno così intimato all’aereo (con il classico movimento di ‘sbattere’ le ali) di seguirli e lo hanno scortato lontano dall’obbiettivo. Tante le persone che hanno visto la manovre degli aerei in cielo e che lo hanno raccontato su facebook facendo le più bizzarre ipotesi su quanto stava avvenendo.