Crotone, la forza ritrovata del gruppo


L’abbraccio finale a centro campo tra tutti i calciatori del Crotone fa capire la tensione che hanno vissuto prima, durante e dopo la gara con il Latina. La vittoria – arrivata non senza difficoltà – è servita a probabilmente non tanto a cementare, quanto a creare finalmente il gruppo. Quel valore che fino ad ora la squadra di Drago, rispetto al precedente campionato, sembrava aver smarrito.

Una unione di forze che ha fatto un tutt’uno anche col pubblico crotonese anch’esso finalmente unito per aiutare il comitato Salviamocapocolonna (leggi articolo). Il bisogno di fare punti per togliersi dai bassifondi di classifica ha dato forma alla squadra, al gruppo. Sabato 24 gennaio si è visto un Crotone capace di soffrire insieme, con calciatori pronti a scarificarsi in ogni reparto a difesa di quei tre punti necessari, obbligatori da conquistare.

Primo tempo, diciamo la verità, brutto. Le due squadre hanno giocato – come si dice – a non prenderle. Pochi svarioni, tanti errori in impostazione da ambedue le parti. Sulle fasce il Crotone, per quanto ne dica il ds, avrebbe bisogno di due terzini che vadano sul fondo. Probabilmente – come si dimostrerà poi nel secondo tempo – Drago dovrebbe dare più fiducia a Ricci. A centrocampo ancora manca un regista, uno che detti i tempi. Prezioso l’inserimento di Matute che raccatta palloni  riparte.

Poi… ad un certo punto della gara arriva un lampo che squarcia il cielo di un sabato nuvoloso. Il lampo, al 40 del primo tempo, è quello di Ernesto Torregrossa che con un’azione caparbia che mostra sia le sue qualità tecniche che fisiche e va a conquistare un rigore che Camillo Ciano trasforma.

Il Latina sembra accusare il colpo e due minuti dopo potrebbe capitolare ancora, ma Maiello in mezzo all’area cincischia troppo. Cambio di fronte e… il solito incidente di percorso: Cordaz esce su un cross, ma si ritrova addosso il compagno Martella. Il rinvio di pugno del portiere è corto e Valiani ne approfitta per fare 1-1.

Nella ripresa Drago osa. C’è Ricci al posto di De Giorgio e Dezi invece di Salzano. Mosse azzeccate: con più qualità in campo il Crotone sulla fascia sinistra vola. Il giovane attaccante fa impazzire Angelo e riesce a farlo ammonire per due volte, mentre Dezi fa da cerniera tra centrocampo ed attacco e pressa su tutti gli avversari. Poco prima della mezz’ora il numero 7 del Crotone si inventa un assist in mezzo che Ciano cicca ma Torregrossa mette in porta a suggellare la palma del migliore in campo. A questo punto Drago decide di far finire la partita e mette in campo l’esperienza di Galardo. Il Crotone pur soffrendo non corre mai alcun pericolo ed al triplice fischio festeggia.

TABELLINO


CROTONE 2

LATINA 1


MARCATORI: 40’ pt Ciano (rig.), 44’ pt Valiani, 27’ st Torregrossa.
CROTONE 4-2-3-1: Cordaz, Balasa, Claiton, Cremonesi, Martella; Matute (31’ st Galardo), Salzano (14’ st Dezi); Ciano, Torregrossa, De Giorgio (1’ st Ricci). In Panchina: Stojanovic, Minotti, Padovan, Gigli, Modesto, Stoian. Allenatore: Drago.
LATINA 4-3-3: Di Gennaro; Angelo, Brosco, Dellafiore, Alhassan, Valiani, Viviani (37’ st Pettinari), Crimi, Ristovski, Sforzini (17’ st Paolucci), Oduamadi (31’st Talamo). In panchina: Farelli, Bruscagin, Bruno, Paolucci, Sbaffo, Milani, Talamo, Pettinari, Barone. Allenatore: Iuliano.
ARBITRO: Di Paolo di Avezzano
NOTE: spettatori 4000 circa. Ammoniti Ciano e Matute (Kr), Brosco (Latina). Espulso Angelo al 22’ st per somma di ammonizioni.