Crotone, Trotta-Falcinelli gol: prima vittoria in A


Segnate la data: 30 ottobre 2016. Sei mesi dopo quel 29 aprile 2016 che sancì la promozione in Serie A, il Crotone grazie alla coppia Trotta-Falcinelli trova il primo successo della sua storia nel massimo campionato italiano di calcio.

Lo fa con una prova di carattere, tecnica e tattica ineccepibile. Finalmente il Crotone che volevano i tifosi: aggressivo, determinato, pratico. Ed anche a tratti bello da vedere. Fa festa la Curva Sud, fanno festa Nicola ed i suoi calciatori. Partita bella, finalmente, quella del Crotone che mette all’angolo il Chievo dal primo minuto. Nicola conferma lo stesso undici che ha portato un prezioso punto da Firenze. Strada facendo perde Stoian e lo sostituisce con un Nalini pieno di voglia di fare. Resta in panca Palladino alle prese con un affaticamento muscolare.

Il Crotone va. Corre, pressa, non fa pensare Hetamaj e le punte scaligere restano a secco di palloni, Quelli che arrivano sono preda di Ferrari e Ceccherini che dimostrano un ottimo affiatamento. Sulla fasce l’esperienza di Rosi e Mesbah si fa sentire: dalle loro parti non si passa facilmente. Nella foga di pressare il Crotone costruisce con un po’ di confusione, ma sono i rossoblù ad essere i più pericolosi chiamando Sorrentino alla gran parata al 14′ su Trotta. La spinta dei rossoblu si concretizza nel minuto di recupero del primo tempo quando Mesbah si guadagna un rigore. La voglia di far gol è tanta nei rossoblu, tanto che Falcinelli e Trotta litigano per chi deve calciare il penalty. Dopo il siparietto in diretta tv tra i due attaccanti, decide la panchina dando la palla a Trotta che calcia un rigore perfetto.

Nella ripresa Maran cambia l’attacco, buttando nella mischia Pellissier e Parigini. Ma non serve a nulla. Nicola chiede ai suoi di andare ancora a mille e con la corsa chiude ogni spazio e non lascia giocare il Chievo. Barberis, il migliore in campo, alla sua seconda gara in A mostra una sicurezza senza pari, Capezzi è sempre alle calcagna dei centrocampisti avversari, Rodhen non fa respirare Birsa e Frey.  Sono così i rossoblu ad andare vicino al raddoppio in quattro occasioni – Nalini tiro a giro, Trotta tiro ravvicinato, Barberis e Capezzi su punizione – trovando sulla sua strada uno straordinario Sorrentino.

Il meritato secondo gol arriva al 48 quando Sampirisi ruba palla ad Hetemaj ed entra da solo in area di rigore dove serve al centro Falcinelli libero di gonfiare la rete prima di saltare sui cartelloni per andare a prendersi l’abbraccio di una sempre spettacolare Curva Sud.  E adesso sotto con l’Inter.


Crotone (4-3-3): Cordaz 6; Rosi 6,5, Ceccherini 6,5, Ferrari 6,5, Mesbah 7; Capezzi 6,5, Rodhen 6, Barberis 7 (42′ st Crisetig sv); Trotta 7 (35′ st Sampirisi 6,5), Falcinelli 7, Stoian sv (16′ pt Nalini 6,5) (5 Festa, 95 Cojocaru, 3 Claiton, 7 Palladino, 23 Dussenne, 77 Fazzi, 24 Tonev, 87 Martella, 99 Nwankwo) All.: Nicola 7.

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino 7, Spolli 5,5, Rigoni 5 (1′ st Radovanic 6) Gamberini 6, Cacciatore 5,5; Castro 6, Birsa 6, Frey 6; Hetemaj 5,5; Inglese 5 (15′ st Pellissier 6), Floro Flores 5 (26′ st Parigini) (90 Seculin, 98 Confente, 1 De Guzman, 3 Dainelli, 13 Izco, 18 Gobbi, 20 Sardo, 28 Bastien, 36 Costa) All.: Maran 6.

Arbitro: Pairetto di Nichelino 6. Reti: nel pt 46′ Trotta (rig.); nel st 48′ Falcinelli. Angoli: 5-4 per il Chievo. Recupero: 1′ e 4′. Ammoniti: Hetemaj, Barberis e Spolli per gioco falloso.