Ciano e Anania: i due volti di una gara

Camillo Ciano e Luca Anania. Il primo sorride e manda baci e saluti a tutti, l’altro resta seduto appoggiato al palo della sua porta dove aveva preso gol ad un secondo dalla fine della gara. Sono questi i simboli di Crotone-Catania, gara del campionato si Serie B, poco spettacolare ed interessante: troppa tattica, gioco lento. Per fortuna che c’è il cuore, quello del Crotone che almeno nel finale di gara regala qualche emozione al pubblico – numeroso – giunto allo stadio Ezio Scida.

La partita vive di due lampi. Prima  Calaiò – che al 25 del primo tempo mostra le sue doti di attaccante di livello superiore segnando con un guizzo in anticipo sui difensori rossoblù – e poi Camillo Ciano  che a tempo scaduto batte un rigore calciando un pallone pesante come un macigno dalla parte opposta dove si tuffa Luca Anania. Nel mezzo poco o niente di interessante.

Il Catania di Sannino deve ancora mettersi a regime e quindi gioca con attenzione non lasciando spazi al Crotone. La squadra di Drago risente della mancanza di un regista (Minotti e Galardo entrambi in panca) e la palla gira lenta dalla tre quarti alla difesa in attesa che qualcuno inventi qualcosa. Solo nel finale, quando Maiello diceide di prendere in mano la cabina di regia, allora il Crotone comincia a spingere e diventa temibile. Scarseggiano, però, i cross e gli affondi sulle fasce. quando arrivano (intorno al 70°) nascono anche i pericoli per la difesa del Catania.

Nel Crotone da apprezzare gli spunti di Beleck e Dezi. In difesa cresce Ferrari (anche se si fa anticipare da quel volpone di Calaiò in occasione del gol), mentre Ciano e Maiello sono una certezza. Un po’ timidi Zampano e Balasa. La verve di Oduamadi, entrato al posto di un De Giorgio che non trova spazi, permette al Crotone di salire. Drago poi indovina la mossa Padovan schierandolo tra le linee e l’attaccante scuola Juventus nella parte finale della gara diventa il più attivo andandosi a guadagnare un calcio di rigore che lascia Ciano e i tifosi rossoblù sorridenti, ed Anania amareggiato per la vittoria sfumata.

Di questa gara guarda la gallery dedicata alle tifoserie di Crotone e Catania.

 

Tabellino

CROTONE 1

CATANIA 1

MARCATORI: 26’ pt Calaiò, 48’ st Ciano (rig.)

CROTONE 4-3-3: Secco; Zampano, Claiton, Ferrari, Modesto (32’ pt Balasa); Maiello, Dezi, Suciu (26’ st Padovan); Ciano, Beleck, De Giorgio (1’ st Oduamadi). IN panchina; Bajza, Galardo, Cremonesi, Minotti, Torregrossa, Salzano. Allenatore: Drago.

CATANIA 4-3-1-2: Anania; Peruzzi; Spolli, Gyomber, Monzon; Jankovic (26’ st Almiron), Capuano, Martinho (35’ st Garufi); Rosina (41’ st Sauro); Calaiò, Castro. In panchina: Ficara, Marcelinho, Escalante, Leto, Cani, Parisi. Allenatore: Sannino.

ARBITRO: Pairetto di Nichelino.

NOTE: spettatori 5000 circa (1733 paganti più 2965 abbonati). Ammoniti: Ferrari, Beleck, Claiton, Monzon, Castro, Capuano, Spolli. Angoli 4-2 per il Catania.