Offshore, titolo italiano ai francesi

C’era tanta gente ad affollare il lungomare di Crotone per vedere sfrecciare i bolidi dell’acqua nella prima giornata di gare del campionato italiano di Offshore classe 3000. Dieci catamarani capaci di sprigionare potenze per raggiungere le 105 miglia orarie  hanno dato spettacolo nello specchio d’acqua davanti il lungomare di Crotone. Complice anche un mare perfettamente calmo i bolidi hanno potuto mettere in acqua tutta la loro potenza.
La due giorni di Crotone conclude il campionato italiano il cui titolo è stato assegnato già nella prima giornata di gare. Infatti, la coppia francese composta da Guillome Avril e Mickael Duboué con il secondo posto ottenuto nella gara di sabato 6 settembre ha matematicamente vinto il Campionato italiano di offshore classe 3000. I transalpini si sono aggiudicati il titolo tricolore piazzandosi al secondo posto nella prima gara della tappa crotonese, grazie al contemporaneo ritiro della coppia Barone-Morelli, l’unica in grado di insidiare i transalpini. La gara di sabato è stata vinta dall’equipaggio composto da Roberto Lopiano e Paolo Rasi.

 

Video pubblicato da Tgl comunicazione

Subito dopo il rientro dei catamarani sono partite le esibizioni di fly jet, seguitissime da un pubblico entusiasta. In serata si è svolta la sfilata di piloti e imbarcazioni, che hanno fatto il giro del centro cittadino. Domattina avrà luogo la seconda ed ultima gara di offshore, che disegnerà la classifica finale del Campionato italiano e assegnerà il trofeo Crotone. La partenza è prevista alle ore 11.40. Seguiranno le premiazioni. Il villaggio “Mare futuro” resterà aperto fino a sera, e nel pomeriggio avranno luogo anche le esibizioni dei gommoni della scuola di motonautica e dello sky jet