Il regalo natalizio ai tifosi rossoblù

Natale porta ai tifosi rossoblù il Crotone che tanto desideravano: determinato, combattivo, organizzato. Un Crotone finalmente squadra, un Crotone che lotta su ogni pallone e contro la seconda della classe dimostra di avere i numeri e le qualità per tirarsi fuori dalla zona bassa della classifica.

Dopo le spente prove con Pro Vercelli e Varese, quello in campo alla vigilia di Natale, è un Crotone diverso. Motivato. Forse azzardato scriverlo, visto il periodo natalizio, quasi miracolato. Ne viene fuori una gara bella, nervosa al punto giusto ed a tratti spettacolare. E’ aggressivo come mai il Crotone che Massimo Drago manda in campo contro il Frosinone. A centrocampo l’inferiorità numerica è compensata con una grande corsa da parte dei tre di mediana.

I rossoblù, con un Maiello in forma super sostenuto ottimamente da Suciu e Salzano, non lascia spazio ai ciociari che in venti minuti non riescono ad imbastire un’azione e sono costretti a giocare duro per fermare i calciatori avversari. Non riescono, però, a fermare Maiello lanciato a rete da un perfetto assist di Torregrossa: il numero 17 del Crotone di precisione batte Pigliacelli in uscita e va a festeggiare sotto la curva. Il Crotone ha la gara in mano: spinge bene sulle fasce dove Drago inserisce forze fresche – Zampano, Martella e Oduamadi – e crea pericoli sfiorando il raddoppio proprio con il nazionale nigerianoil cui colpo di testa finisce sul palo. Il Frosinone è pericoloso solo su calcio da fermo (traversa colpita da Masucci) ma, nonostante il forcing, non crea mai pericoli per Caio Secco.

Babbo Natale lancia palloni verso la curva rossoblù

Babbo Natale lancia palloni verso la curva rossoblù

Dopo la pausa, con l’ormai tradizionale Babbo Natale che lancia palloni sugli spalti per la gioia di adulti e bambini, le due squadre riprendono a combattere. Come ci si aspettava, il Frosinone spinge di più, ma in mezzo al campo il Crotone ha sempre il controllo della gara. Anche quando la squadra rossoblù abbassa il baricentro, non soffre mai troppo l’azione di Masucci e compagni che, la mettono sulla caciara e solo in mischia su calci piazzati fanno paura (palo di Ciofani al 22).

Il Crotone si difende bene e tenta di ripartire. Torregrossa fa reparto da solo tenendo a bada i tre centrali di Stellone e permettendo alla squadra di risalire. Lavoro è enorme per la difesa: questa volta Claiton e Ferrari non si fanno mai trovare impreparati e sono, invece, sempre bravi e puliti negli interventi. Come quello all’88’ di Gian Marco Ferrari che in rovesciata sulla linea di porta salva una rete quasi fatta. Un minuto dopo il solito Torregrossa si procura un calcio di punizione che batte immediatamente per Ricci che si invola verso l’area avversaria: il giovane attaccante scuola Roma da fuori area lascia partire un diagonale di sinistro che non lascia scampo a Pigliacelli. Il primo gol in serie B del giovanissimo attaccante del Crotone – abbracciato da capitan Galardo e sommerso dai compagni – mette il sigillo ad una vittoria e ad una prestazione di carattere. Speriamo che il Natale rossoblù continui.


CROTONE 2

FROSINONE 0

MARCATORI: 20’ pt Maiello, 44’ st Ricci.

CROTONE 4-3-3: Secco, Zampano, Claiton (37’ st Gigli), Ferrari, Martella; Suciu, Maiello, Salzano; Ciano (25’ st De Giorgio), Torregrossa, Oduamadi (33’ st Ricci). In panchina: Lewandowski, Galardo, Dezi, Minotti, Padovan, Balasa. Allenatore: Drago.

FROSINONE 4-4-2: Pigliacelli; M.Ciofani (35’ st Carlini), Russo, Blanchard, Crivello; Gessa (15’ st Paganini), Frara, Musacci, Masucci; Curiale (15’ st D.Ciofani) , Dionisi. In panchina: Zappino, Gori, Gucher, Soddimo, Altobelli, Formato. Allenatore: Stellone.

ARBITRO: Pezzuto di Lecce.

NOTE: spettatori 4000. Ammoniti Claiton, Martella, Secco, M.Ciofani, Gessa, Masucci,Musacci, Frara, Russo, Dionisi. Angoli 7-5 per il Frosinone. Espulso al 40 del st. Groucher del Frosinone (dalla panchina).