Tir contro bus: strage evitata per un soffio


Un autobus pieno di studenti in un tranquillo giovedì di fine febbraio. Stanno rientrando a casa dopo cinque ore di lezione. Si ferma al semaforo che regola il traffico allo svincolo nord di Crotone per accedere alla statale 106: Deve andare verso le contrade. Direzione Nord. La luce del semaforo è rossa. L’autista frena ed aspetta. Scatta il verde. ingrana la marcia, un colpetto d’acceleratore e… sbammmm.

Proprio dalla direzione verso la quale il pullman cittadino doveva andare arriva un tir. Non si sa perché l’autista non si sia fermato al rosso, non si sa perché non ha frenato. Fatto sta che arriva addosso a quel bus bianco, lo colpisce sulla fiancata sinistra mandando in frantumi i vetri. L’autista del bus non ha più il controllo del mezzo. I passeggeri sono sballottolati come in una centrifuga. I vetri in frammenti sono ovunque. Si proteggono gli occhi ed il viso. Cadono  a terra. Quelli sul lato sinistro sentono forte il botto. Anche nelle ossa e nei muscoli. Dura un attimo, ma è come se fosse infinito quando sei dentro una scatola di metallo priva di controllo. (GUARDA IL VIDEO)

 

L’autobus va a schiantarsi verso il muro di recinzione delle vecchie ed abbandonate fabbriche. Abbatte il semaforo che si trova sulla corsia in direzione nord. Per fortuna i cavi del’elettricità che alimentano il semaforo non si rompono. Sarebbe stata una strage. Il tir, infatti, trasportava una cisterna di gpl – un gas altamente infiammabile – che  per fortuna è rimasta intatta.  I passeggeri del bus riescono a scendere e chiamare i soccorsi. Le ambulanze del Suem 118 dell’ospedale di Crotone arrivano in un baleno. Ci sono sette feriti più seri, tra cui l’autista. Vengono portati in ospedale. Solo l’autista rimarrà ricoverato in codice giallo. Intanto in ospedale arrivano gli altri passeggeri per farsi controllare e medicare da lievi escoriazioni dovute per lo più alla rottura dei vetri. Tutti verranno tutti dimessi con medicazioni e prognosi di qualche giorno. E’ andata bene.

La polizia stradale – dopo aver messo in sicurezza le persone e i mezzi con l’aiuto dei vigili del fuoco – ha fatto defluire il traffico che non è mai stato bloccato. Toccherà agli agenti della Polstrada di Crotone appurare cosa è accaduto e perché l’autista del tir non si è fermato al rosso.